Yolanda By 

Parco del Valentino la natura nel cuore di Torino.


Itinerari a piedi – Parco del Valentino

L’itinerario che vi proponiamo ha la durata di una giornata, immersi nel verde scoprirete una Torino lontana dai rumori della città. Il Parco del Valentino è il più famoso e antico parco pubblico della città. È sicuramente il parco cittadino più conosciuto ed è stato assunto a simbolo della città al pari della Mole Antonelliana. In splendida posizione, non distante dal centro (a 1 km dalla stazione ferroviaria di Porta Nuova), è situato lungo la sponda sinistra del Po, tra meravigliosi ponti monumentali : Umberto I (corso Vittorio Emanuele II) e Isabella (Corso Dante), e in affaccio sulla collina.

po torino

Inizio del percorso

Fontana dei Dodici Mesi 1.

La Fontana dei Mesi è l’unico elemento architettonico ancora esistente dell’ampio apparato di edifici costruiti per l’Esposizione Generale Italiana del 1898, organizzata a Torino per celebrare il cinquantenario dello Statuto Albertino. Secondo una vocazione che si stava consolidando dopo l’Esposizione del 1884, il luogo prescelto per ospitare la manifestazione fu il parco del Valentino e il prestigioso compito di progettare i padiglioni fu affidato a Carlo Ceppi (1829-1921). Architetto di grande importanza nell’ambiente culturale torinese, di Ceppi si ricordano il progetto dell’imponente edificio della stazione di Porta Nuova (elaborato con Alessandro Mazzucchetti) e diversi palazzi signorili del centro. Mentre gli altri edifici dell’Esposizione vennero costruiti in legno, gesso e tela, la Fontana dei Mesi ebbe una struttura permanente, costruita in “moderno” cemento. Si tratta di un’ampia fontana luminosa ornata da quattro gruppi statuari raffiguranti i fiumi torinesi (Po, Dora, Sangone, Stura) e da dodici statue femminili raffiguranti i mesi dell’anno. La critica la considera “una riuscita sintesi fra Eclettismo accademico ed apertura alle novità stilistiche e tecniche”. fontana 12 stagioni torino

Borgo Medioevale 2.

Le costruzioni del borgo riprendono edifici del XV sec. Il borgo è, di fatto, più simile ad un sito archeologico-monumentale e nacque all’interno del Parco del Valentino come padiglione dell’Esposizione internazionale che si svolse a Torino dall’aprile al novembre del 1884. Destinato alla demolizione al termine dell’Esposizione Internazionale, divenne museo civico nel 1942. Si tratta di una riproduzione alquanto fedele di un tipico borgo tardo medievale in cui sono ricostruite vie, case, chiese, piazze, fontane e decorazioni dell’epoca circondato da mura e fortificazioni e sovrastato da una rocca. Vi si accede attraverso una torre-porta. Nel borgo sono inoltre presenti sin dal 1884 botteghe artigianali. Nel 1884 il borgo ospitava le botteghe del vasaio, della tessitrice, dello speziale, del falegname e del fabbro.Ora trasformate per lo più in negozi di souvenir. E’ possibile però prendere un caffè all’interno del bar, o semplicemente visitarlo immergendosi in un’atmosfera di altri tempi. borgo medievale torino

Il Giardino Roccioso 3.

Realizzato ad opera di Giuseppe Ratti in occasione dell’Esposizione internazionale del 1961, fu la principale sede espositiva della mostra floreale tenutasi in quell’anno a Torino. Una valletta di 12.000 mq. fu trasformata in un caratteristico giardino attraversato da stradine lastricate, ruscelli, giochi d’acqua, terrazzi e punti di sosta. Successivamente il giardino fu ampliato, annettendo aree verdi limitrofe e soprattutto il Roseto, realizzato nel 1965; questa collezione permanente di oltre 2000 rosai fu donata alla Città da floricoltori, sia italiani, sia stranieri. Attualmente il giardino roccioso copre una superficie di 44.000 mq. e al suo interno, ad ogni stagione dell’anno, vengono realizzate numerose aiuole fiorite, particolari ed un po’ ricercate, a ricordo dell’occasione della sua nascita.Frequentato spesso da fotografi che lo utilizzano come location per servizi fotografici, è uno splendido giardino che attrae sia i turisti che i torinesi. parco del valentino torino

Pausa Pranzo al Parco del Valentino 4.

Vi consigliamo alcuni posti dove fermarvi a mangiare per l’orario di pranzo RISTORANTE L’IDROVOLANTE in riva al Po, subito a fianco al Borgo Medievale. Ristorante ideale per un pranzo all’aperto in riva al fiume. Buona cucina in un’atmosfera bucolica. idrovolante torinoCHIOSCHETTI caratteristici lungo il Po offrono la possibilità di uno spuntino veloce, senza infamia e senza lode.

Castello del Valentino – sede della facoltà di Architettura del Politecnico di Torino 5.

Il castello del Valentino è un edificio storico di Torino, situato nell’omonimo Parco del Valentino sulle rive del fiume Po. Oggi è sede distaccata del Politecnico di Torino , ed ospita la Facoltà di Architettura. L’antico castello fu acquistato da ,Emanuele Filiberto di Savoia il duca Testa di Ferro, su consiglio di Andrea Palladio. Questa struttura ospitò nobili famiglie come i Saintmerane, i Cicogna, i Pacelli ed i Calvi, che comprarono sei stanze nel castello. L’origine del suo nome è incerta. Il primo documento in cui compare il nome Valentinium è del 1275; qualcuno fa risalire il suo nome a san Valentino perché le reliquie di questo santo, martire giovinetto del ‘200, sono conservate dal1700 in una teca di cristallo nella chiesa di San Vito (sulla collina prospiciente il Parco del Valentino), trasferite in seguito alla distruzione di una chiesetta vicina all’attuale parco. Alcuni studiosi affermano che, in un singolare intreccio di memoria religiosa e mondanità, si soleva un tempo celebrare nel parco fluviale torinese, proprio il 14 febbraio (ora festa degli innamorati) una festa galante in cui ogni dama chiamava Valentino il proprio cavaliere castello del valentino torino

Giardini del Parco 6.

dirigendovi verso Corso Vittorio vi ritroverete circondati da un’ampio spazio verde frequentato da studenti, famiglie e turisti che nella bella stagione sfruttano per pic-nic, prendere il sole o giocare a pallone. Se avete un po’ di tempo, può essere molto rilassante fermarsi per un a pausa. All’ingresso dell’area pedonale è possibile anche affittare dei Risciò per visitare il parco. giardini parco valentino torino

Arco del Valentino 7.

L’arco trionfale, che incrocia il Corso Vittorio, in onore dell’Arma dell’Artiglieria, presenta all’esterno altorilievi ispirati a quattro reparti militari e al centro la statua della patrona Santa Barbara. L’opera fu realizzata da Pietro Canonica (1869-1959) e inaugurata nel 1930 al parco del Valentino arco del valentino torino

Sport nel parco, lungo Po

Volendo utilizzare il parco per fare un po’ di jogging è possibile, costeggiando il Pò, seguire un percorso pedonale di 12 km, a piedi oppure in bicicletta che arriva fino a Moncalieri. Il panorama è assicurato e la zona è spesso frequentata da podisti. Lungo il Po, con accesso dal parco vi sono numerosi Circoli Canottieri, dove è possibile fermarsi per una pausa sportiva. Vi segnaliamo il Circolo Canottieri dell’Armida, con accesso da Viale Virgilio 45. E’ possibile anche usufruire del servizio di bike-sharing, con stazioni di prelevamento bici su Corso Vittorio, o all’interno del parco stesso. E’ necessario fare un’abbonamento, anche giornaliero (al costo di 5€) da effettuarsi anche on line. Clicca qui per maggiori info risciò torino

 

Pausa Merenda

8.ALBERTO MARCHETTI gelato Corso Vittorio 24 Uno dei migliori gelati di Torino, prodotto con ingredienti genuini e secondo le ricette di famiglia.
9.TORTA DA TEA POT Via Silvio Pellico 18. Ideale anche per chi ha numerose allergie e intolleranze, è possibile fare una pausa con una fetta di torta o un gustoso brunch della domenica.
10.GELATO AMICO, ( qui il nostro articolo)Via San Massimo 34 Gelato fatto con il latte di riso, non contiene glutine ne ingredienti di origine animale. Ottimo e ideale per tutti.

alberto marchetti torino

Shopping

11. CREATIVITY Via Carlo Alberto 40/f Rinomato negozio di oggetti di design e gioielli artigianali creati con materiali ricercati. 12.MADAMADORE’ di Pertile tessuti Via Giolitti 45 negozio di rappresentanza del famoso tessiturificio Chierese. Produce biancheria per la casa, tessuti n boutis, stoffe pregiate in seta, cachemere, lino, cotone, cotorne organico, jacquard. 13. SUE abbigliamento Via della Rocca 32/c piccolo negozio in stile francese, con abiti in pezzi unici fattura originale. (leggi la nostra recensione) 14.L’ANCIENNE MAISON DU THE Via della Rocca 2 Tra migliori negozi di the a Torino 15.DEAR WENDY Via Mazzini 29 A negozio di cupcake e cake design dalla A alla Z. E’ possibile, acquistare, partecipare ai corsi, prenotare torte su misura. 15bis TURINEYES Via Mazzini 33 impossibile resistere alla tentazione di farsi fare un paio di occhiali da vista o da sole su misura, personalizzati ed unici, basta una sola visita per definire il modello e i colori!creativity torino

Cena

16.OSTERIA LE PUTRELLE Via Valperga Caluso 11 molto accogliente, con cucina tipica piemontese, con un ottimo rapporto qualità prezzo (leggi qui il nostro articolo) 17.GIAPPONESE DAICHI Corso Cairoli 14b Ristorante di cucina giapponese e thai. Ottima qualità, bella location semplice e al contempo chic. 18.RISTORANTE TAILANDESE MAI TAI (leggi qui la nostra recensione)Via Mazzini 56. Piccolino, ma con una cucina asiatica ottima! mai tai torino

Pernottamento

19.B&B DELLA ROCCA Via della Rocca 10 Cordialità, gentilezza e ospitalità nel cuore di Torino. Con un’incantevle terrazza in cui rilassarsi, offre camere con bagno privato, colazioni abbondanti e una posizione strategica per la visita della città. b&b della rocca torino N.B. I posti da noi consigliati non effettuano una pubblicità sul nostro sito e non abbiamo ricevuto nessun compenso per citarli.

Mappa dell’itinerario

itinerari parco del valentino torino

 

Yolanda
Yolanda
About me

YOLANDA, designer e fotografa, vi farà scoprire la città con l’occhio di chi sa osservare e riconoscere il bello.

YOU MIGHT ALSO LIKE

La Vendemmia a Torino
October 07, 2017
Open house Torino
May 25, 2017
Il giardino della principessa, Torino insolita
April 27, 2017
Pasticcini in carrozza Edizione 2016
January 09, 2016
Una domenica a Superga
January 28, 2015
Sacra di San Michele con la navetta
August 04, 2014
TAGLIO Pizza per Fetta, uno spuntino veloce in giro per la città
June 03, 2014
Una nuova guida della città: “Le città che si chiamano Torino”
February 25, 2014

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *