Lidia By 

Mostre temporanee nella città di Torino


Se non sapete cosa fare questo imminente fine settimana? Eccovi la soluzione.  L’ elenco delle mostre temporanee nella città di Torino.

 

VANITÀ/VANITAS

Dal 31 Ottobre 2015 al 28 Febbraio 2016
LUOGO: MEF – Museo Ettore Fico Torino

COSTO DEL BIGLIETTO: intero € 10, ridotto € 8 over 65, insegnanti, enti convenzionati, ridotto € 5 dai 13 ai 26 anni e gruppi (minimo 6 persone), gratuito fino ai 12 anni, MEF Friends, giornalisti accreditati, persone con disabilità ed eventuale accompagnatore, possessori di Torino+Piemonte Card

http://www.museofico.it

Il ricco e stimolante tema della Vanitas, rivisitato attraverso un innovativo percorso, prevede l’esposizione di oltre cinquanta opere di grandi maestri – da Baschenis a Solimena, da Murillo a Cagnacci, realizzate tra la fine del XVI secolo e il XVIII secolo – che affrontano il tema della caducità della vita e l’essenza effimera delle vanità umane.
L’importante nucleo di opere è messo a confronto con una selezione di lavori di artisti contemporanei internazionali I trentasei artisti, presenti in mostra con fotografie, installazioni, sculture e dipinti, vanno da Carol Rama a Danh Vo, da General Idea a Thomas Saraceno, da Santiago Sierra a Maria Lai.
Dalle nature morte ai dipinti barocchi di figura tutto riconduce, sia nell’arte antica che nelle opere contemporanee, al file-rouge della mostra che è completata da dodici fotografie di Fred Goudon che ritraggono i principali atleti del rugby internazionale.

Orario da mercoledì a venerdì 14 – 19 – sabato e domenica 11-19

GIO PONTI E LA RICHARD GINORI. L’ELEGANZA DELLA MODERNITÀ

Dal 04 Dicembre 2015 al 29 Febbraio 2016
LUOGO: Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica Torino

COSTO DEL BIGLIETTO: intero € 10, ridotto € 8. Il primo mercoledì del mese, non festivo, l’ingresso è gratuito

Sito ufficiale di Palazzo Madama

Si possono ammirare per la prima volta a Torino le  straordinarie invenzioni che Gio Ponti creò nel decennio 1923-1933 per la fabbrica di Sesto Fiorentino, di cui divenne direttore artistico all’età di 31 anni, per volontà di Augusto Richard.
Lettere e disegni di Ponti, provenienti dall’Archivio del Museo Richard-Ginori, e settantatre opere in porcellana, anch’esse dal Museo di Sesto Fiorentino

IL DRAGO E IL FIORE D’ORO. POTERE E MAGIA NEI TAPPETI DELLA CINA IMPERIALE

Dal 05 Dicembre 2015 al 28 Marzo 2016
LUOGO: MAO – Museo d’Arte Orientale Torino

COSTO DEL BIGLIETTO: Mostra: intero € 10, ridotto € 8, gratuito abbonati Musei Torino Piemonte. Collezioni: intero € 10, ridotto € 8, gratuito fino ai 18 anni e abbonati Musei Torino Piemonte. Collezioni + mostra: intero € 14, ridotto € 11, gratuito abbonati Musei Torino Piemonte

Sito ufficiale del MAO

Il MAO Museo d’Arte Orientale, in collaborazione con la Fondazione Museo Asia mette in mostra 36 tappeti di manifattura cinese realizzati tra il 18° e il 19° secolo nei laboratori imperiali per adornare le immense sale e i podi dei troni dei palazzi dell’Imperatore nella Città Proibita di Pechino.
Le preziosissime opere esposte provengono da varie collezioni internazionali e rappresentano una selezione significativa di tutti i tappeti imperiali di seta e metalli preziosi della dinastia Qing (1644-1911) conosciuti nel mondo, che superano di poco i trecento esemplari.
Oltre ai grandi tappeti, cuore della mostra, il MAO espone due vesti anch’esse risalenti alla dinastia Qing provenienti da una collezione privata e una selezione di opere della collezione permanente del Museo.

MATISSE E IL SUO TEMPO. LA COLLEZIONE DEL CENTRE POMPIDOU

Dal 12 Dicembre 2015 al 15 Maggio 2016

LUOGO Palazzo Chiablese Torino

Sito ufficiale : http://www.mostramatisse.it

COSTO DEL BIGLIETTO: intero € 13, ridotto € 11 / € 6.50, gruppi € 11, scuole € 6, gratuito fino a 6 anni e altre categorie

Curata da Cécile Debray conservatore presso il Musée national d’art moderne-Centre Pompidou, la mostra Matisse e il suo tempo – dal 12 dicembre al 15 maggio 2016 a Palazzo Chiablese –  per mezzo di confronti visivi rende possibile cogliere non solo le sottili influenze reciproche o le fonti comuni di ispirazione tra le  opere di Matisse e quelle di artisti suoi contemporanei, ma anche una sorta di “spirito del tempo”, che unisce Matisse e gli altri artisti e che coinvolge momenti finora poco studiati, come il modernismo degli anni Quaranta e Cinquanta.

Lidia
Lidia
About me

LIDIA attenta osservatrice e talent scouting vi guiderà nella città alla ricerca delle eccellenze e degli eventi di nicchia

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *