emily By 

Castello di Masino


Il Castello, affacciato sull’ampia pianura del Canavese e immerso in un immenso parco romantico, sorge su una collina antistante la lunga barriera morenica della Serra di Ivrea.

Abitato dai conti Valperga per dieci secoli, narra la storia piemontese ed italiana attraverso le sue numerose stanze monumentali, come i saloni affrescati e riccamente arredati tra Seicento e Settecento, le camere per gli ambasciatori, gli appartati salotti e gli appartamenti di Madama Reale.
Tra le sale più affascinanti vi é il salone da ballo, con le ampie finestre, che creano una perfetta armonia tra il panorama esterno e gli interni affrescati. Non meno interessante é la ricca collezione di carrozzedel XVIII e XIX secolo, per la maggior parte della famiglia Valperga, conservata nel Palazzo delle Carrozze.

Al pari del Castello, anche il parco ha subito numerosi mutamenti nel corso dei secoli. L’attuale configurazione deriva dalla sistemazione del parco secondo il modello “all’inglese” risalente alla prima metà dell’Ottocento, che portò alla realizzazione della strada dei 22 giri, straordinario percorso panoramico.

Eventi al Castello e Parco di Masino 2017

Il calendario “Eventi nei Beni del FAI 2017”, è reso possibile grazie al significativo sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI, al prezioso contributo di PIRELLI che conferma per il quinto anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione.

DOMENICA IN CAMPAGNA

24 settembre, 15 ottobre
Una giornata per riscoprire la vita di campagna, le materie prime, i prodotti e gli animali della fattoria con laboratori agricoli per grandi e piccini.

SERE FAI D’ESTATE

Sabato 1 luglio, ore 19.00 – 24.00
Tutto il fascino del castello al tramonto e di sera abitato da personaggi in costume per un percorso libero animato da attori. Verrà eccezionalmente aperto il viale dell’allea per visite notturne al labirinto (consigliato portare una piccola torcia e scarpe comode).

I musicisti del Conservatorio di Torino intratterranno i visitatori con un concerto nel terrazzo dei limoni, un suggestivo affaccio sui giardini storici illuminati da candele e lanterne.

Trio di Saxofoni del Conservatorio Vivaldi di Alessandria (classe di Musica d’insieme per strumenti a fiato del prof. Gianluca Nicolini):
Giulio Gianì – sax soprano e contralto
Simone Rinaldi – sax contralto
Gloria Passoni – sax baritono

J.J.Quantz Sonata in re magg.
J.S.Bach Trio-sonata in do minore BWV 526
W.A.Mozart Divertimento n.2 K439b
Riccardo Guella* Preludio, Fuga e Allegro (2016)
Jacques Ibert Cinq Pièces en trio

* allievo della classe di composizione del prof. Antonio Galanti

C’ERA UNA VOLTA UN CONTE

9 luglio, 13 agosto, 3 settembre, 8 ottobre, ore 10.00-18.00
Speciali visite guidate, condotte da un attore in costume, per rivivere la storia, i segreti e le vicende che hanno animato le sale e gli appartamenti del castello.

ALLA SCOPERTA DEL LIBRO ANTICO

18 giugno, 2 luglio, 6 agosto, 3 settembre, ore 11.00-17.00
Tutti i giovedì da aprile a settembre (solo su prenotazione)
Visita specialistica alle collezioni librarie della famiglia dei Conti Valperga di Masino nello straordinario ambiente della Biblioteca dello Scalone. Una stagione letteraria per approfondire diverse tematiche custodite tra antichi volumi e preziose rilegature.

CACCIA AL TESORO: ALLA SCOPERTA DEL MITO DI RE ARDUINO

Tutti i sabati e domeniche da 15 aprile a fine ottobre
Un percorso libero e divertente guidati da una mappa attraverso il maestoso Parco, Palazzo Carrozze, i Giardini dei Cipressi e delle Rose, la Torre Medievale di Re Arduino, il Salone degli Stemmi, il grande labirinto ed il castello dei giochi.

IL CASTELLO DEI PICCOLI

25 giugno, 16 luglio, 20 agosto, 17 settembre
Una visita speciale dedicata ai più piccoli attraverso le sale del castello immergendosi nella magica atmosfera di una fiaba narrata da un personaggio in costume.

NOTTURNO CON CIOCCOLATO

15 settembre, 13 ottobre, ore 19.30-22.00
Novità assoluta 2017! Il piacere di visitare la millenaria reggia di Masino nelle suggestive ore notturne accompagnati da una gustosa degustazione di prelibatezze al cacao, celebrando questa eccellenza piemontese che vide protagonista proprio Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours, seconda Madama Reale, che per prima a fine Seicento concesse il primo patentino di Mastro Cioccolatiere ad un torinese.

Curiosità sul Castello di Masino

La morte apparente
Raccontano le cronache familiari che Tommaso Bonifacio nacque nel 1737 “sette anni dopo la morte di sua madre”.
Infatti quest’ultima, in preda a collasso, creduta morta durante una malattia, fu rivestita dei suoi migliori abiti e gioielli ed esposta nella Parrocchia di Masino.
Nottetempo, un ladro che tentava di sfilare un gioiello dalle dita della defunta, fuggi inorridito avendo notato che questa dava segni di vita sul seggiolone su cui era stata collocata.
Dato l’allarme, la presunta defunta fu riconosciuta viva e, trasportata nel suo castello, ritornò perfettamente sana e diede ancora alla luce sei figlioli.
Il fortepiano di Rossini
Nella Sala da Ballo si puo’ ammirare il particolare fortepiano utilizzato da Rossini che nel 1813 in soli tre giorni vi compose il  Tancredi.
Il fortepiano, precursore del pianoforte, rappresenta nel 700 un’ importante innovazione rispetto all’ allora consueto clavicembalo, in quanto a differenza di quest’ultimo la corda viene percossa e non pizzicata consentendo di dosare l’intensità del suono.

I giochi alla corte dei Valperga
Nel castello di particolare interesse e’ la Sala dei Giochi nella quale, oltre ai consueti tavoli per giocare a carte sono collocati un biliardo settecentesco e un particolare antesignano del flipper denominato gioco del piccolo castello. Quest’ultimo è costituito da un modellino di un castello nel quale i due giocatori si sfidano facendo rotolare delle biglie che a seconda del percorso attribuiscono il punteggio finale.

Opulenza e sobrietà
Il castello è impreziosito da oggetti e decorazioni di grande valore che rappresentano quanto di meglio sono stati in grado di produrre gli artigiani nell’ arco dei secoli. In questo magnifico contesto affiorano anche delle note di parsimonia quali decori in pastiglia di riso, che appaiono degni dei migliori stucchi, mobili, i cui intarsi sono solo dipinti, e trompe l’oeil, che rendono più ricchi e spaziosi gli ambienti

Castello e Parco di Masino
Caravino (Torino)
Tel. 0125 778100 e Fax  02 467615451
E-mail: faimasino@fondoambiente.it

emily
emily
About me

EMILY fashion designer appassionata di moda, vi guiderà alla scoperta di eventi insoliti dandovi qualche consiglio sugli outfit che potreste utilizzare

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *